bl og

01 marzo 2019

I batteri del suolo

I batteri del suolo costituiscono la maggioranza della biomassa presente sulla Terra e hanno un ruolo chiave nella nostra vita: controllano i processi fondamentali per lo sviluppo di ecosistemi, a partire dalla fertilità del suolo, essenziale per la produzione alimentare. Ma influenzano anche lo stoccaggio del carbonio, con un impatto diretto sui cambiamenti climatici. Il livello dei microrganismi nel suolo e l’intensità della loro attività dipendono dalla presenza di sostanza organica e sono fortemente influenzati dalle condizioni del sistema: terreno – pianta – ambiente. Le diverse forme della fertilità del suolo (fisica, chimica e microbiologica) sono legate tra loro in equilibrio dinamico, condizionato fortemente dalla quantità e dalla qualità della sostanza organica naturale e/o di apporto.

I batteri anerobici che si trovano nel suolo appartengono a due categorie di batteri terricoli ed includono batteri aerobici, che richiedono l'ossigeno, e batteri anaerobici, che non necessitano di ossigeno per sopravvivere. I batteri anaerobici tendono ad abitare in zone con terreno mal drenato. Ci sono due tipi principali di batteri anaerobi presenti nel terreno e in altri ambienti: anaerobi facoltativi e obbligati anaerobi. I Batteri facoltativi possono esistere con o senza ossigeno e sono un tipo comune di anaerobi trovato nel suolo. Essi svolgono un ruolo fondamentale nella realizzazione di fermentazione in terreno che è temporaneamente anaerobica e bagnato. La fermentazione può essere un effetto positivo o negativo di batteri del suolo. Può essere utile in un processo di decomposizione e disgregare il materiale nel suolo, ma può anche produrre composti che sono tossici per vita vegetale e animale. La maggior parte dei batteri denitrificanti sono anaerobi facoltativi. Batteri denitrificanti convertono nitrati in azoto o ossido di azoto, rilasciando nell'atmosfera come parte del ciclo dell'azoto.

DAI PIU’ FORZA ALLE TUE PIANTE!

UN PRIMO APPROCCIO AL MONDO DELLA CONCIMAZIONE Per assicurare alle piante un ottimo stato di salute e preservarle da malattie e attacchi parassitari bisogna nutrirle in modo corretto, capire quante volte concimarle e quale è il periodo giusto. Le sostanze nutritive occorrono alle piante per compiere il loro ciclo...

leggi tutto

CONCIMAZIONI AUTUNNALI, UNA GARANZIA PER LE PROSSIME PRODUZIONI

Le concimazioni autunnali vengono effettuate per preparare il futuro sviluppo primaverile, è importante che il terreno risulti pronto per fornire alle piante il corretto nutrimento dopo il riposo invernale. Risulta indispensabile utilizzare un fertilizzante adatto, che non si disperda rapidamente nel terreno. Al risveglio primaverile le...

leggi tutto

hmd